Pattern di comorbilità nell’Hoarding Disorder [Disturbo da accumulo .7]

E’ noto come il comportamento di hoarding si presenti spesso in comorbilità con altri aspetti psicopatologici. Molti sono gli studi che hanno cercato di identificare tali pattern di comorbilità. Tuttavia alla luce della nuova definizione di Hoarding Disorder come disturbo a sé stante nel DSM-V tali studi risultano oggi in parte superati sostanzialmente per i seguenti motivi:

  • utilizzo di campione già diagnosticato con OCD (ricordiamo che fino ad oggi l’hoarding stato considerato un sottotipo di disturbo OCD, quindi le ricerche hanno essenzialmente attinto a popolazioni OCD)
  • indisponibilità di definizioni adeguate di Hoarding al momento dello studio
  • indisponibilità di strumenti di assessment del comportamento di Hoarding al momento dello studio

Abbiamo quindi in questa nuova prospettiva pochi studi controllati sui pattern di comorbilità con l’hoarding nella sua accezione più moderna. Uno di questi, a mia conoscenza il primo, è “Comorbidity in Hoarding Disorder” di Frost pubblicato su Depression and Anxiety a fine 2011.

Questa ricerca è stata la prima ad esaminare un campione significativo di soggetti definibili Hoarder in accordo ai criteri diagnostici proposti per il DSM-V (ed ora confermati) per l’Hoarding Disorder. Il campione ha previsto il confronto tra un gruppo di 217 soggetti con diagnosi HD (Hoarding Disorder) ed uno di 96 soggetti con diagnosi OCD senza condotte di accumulo (OCD non-HD).

A tutti i soggetti è stata somministrata una batteria di scale per la valutazione di disturbi d’ansia, di umore e somatoformi (ADIS-IV-L), PTSD  (ADIS PTSD), disturbo del controllo degli impulsi (MIDI), Hoarding (HRS-I, SI-R) e ADHD (ADHDSS). I soggetti OCD erano stati precedentemente diagnosticati e come tali inclusi nel campione.

RISULTATI: Comorbilità con L’Hoarding Disorder

Comorbilità Hoarding Disorder

Comorbilità Hoarding Disorder

  • OCD: in accordo a precedenti studi di portata più ridotta, solo il 18% dei soggetti HD hanno soddisfatto i criteri di diagnosi per OCD, con una piccola differenza di genere (15% delle donne e 28% degli uomini)
  • Depressione Maggiore (MDD): in accordo alle aspettative la depressione è il disturbo che con maggior frequenza si associa a quadri HD. Il 50,7% del campione HD ha soddisfatto i criteri di diagnosi per la Depressione Maggiore. Per confronto il gruppo OCD non-HD ha riportato una comorbilità con la MD di circa 20 punti percentuali in meno (33.3%). Non sono state riscontrate differenze di genere
  • Disturbi d’Ansia: Fobia Sociale (23,5%) e Ansia Generalizzata (24,4%) sono stati i disturbi più rappresentati. Valori analoghi si sono riscontrati anche nel gruppo OCD non-HD. Totalmente assente la comorbilità con il Disturbo di Panico
  • PTSD: la comorbilità riscontrata è stata bassa (6,9%) senza differenze significative tra i due gruppi HD e OCD non-HD. Il dato è interessante in considerazione del fatto che gli hoarder collocano quasi sempre l’esordio del comportamento di accumulo in corrispondenza di un evento traumatico (differentemente dai pazienti OCD)
  • Disturbi di controllo degli impulsi: come previsto il gruppo HD sulla scala MIDI si è differenziato nettamente dal gruppo OCD non-HD sui comportamenti di acquisizione (acquisto= 60,8%,  raccolta=59,9%,  cleptomania=9,9%) con circa 50 punti percentuali in più sulle prime tre voci. Unica differenza di genere rilevante la netta differenza tra Uomini-HD e donne-HD sulla voce “acquisto” (48% vs. 64.8%). Sostanzialmente nelle donne HD è presente in modo significativamente maggiore un disturbo di controllo sull’acquisto.
  • ADHD: anche in questo caso come previsto il gruppo HD ha soddisfatto i criteri per il sottotipo “inattentive” molto più frequentemente che il gruppo OCD non-HD (27,8% vs.3,2%).
  • Disturbi di personalità: come è ovvio la percentuale di comorbilità con OCPD è radicalmente differente tra i due gruppi essendo l’hoarding uno dei criteri diagnostici dell’OCPD. Tuttavia rimuovendo il criterio relativo al comportamento di accumulo le percentuali si riequilibrano sugli stessi livelli. Solo altri due disturbi d personalità hanno una comorbilità superiore al 4%. L’evitante (8,8%) e la borderline (5,4%)

Come si vede dai risultati, depressione maggiore (50,7%), fobia sociale (23,5%) ed ansia generalizzata (24,4%) sono diagnosticate con maggiore frequenza in comorbilità con il disturbo da accumulo (HD) di quanto lo sia l’OCD (18%). Questo dato ben si accorda con la nuova prospettiva sull’Hoarding Disorder che lo colloca come disturbo indipendente dall’OCD e non più come uno dei suoi sottotipi. Tuttavia l’OCD rimane uno dei disturbi che co-occorrono più spesso con l’HD suggerendo che una relazione tra i due disturbi comunque esista.

In merito alla prevalenza di comorbilità con i disturbi dell’umore ed i disturbi d’ansia la domanda che rimane aperta è relativa al ruolo che questi abbiano nella genesi dell’HD o se siano al contrario una conseguenza data dallo stress generato dall’incapacità di uscire dalla propria condizione, dall’isolamento sociale e da tutte le conseguenze familiari e sociali che l’HD produce. Studi sugli esordi del disturbo saranno nei prossimi anni in grado di approfondire i nessi di causa-effetto.

In merito ai disturbi del controllo degli impulsi (rilevati anche in altri studi come presenti in circa l’80% dei pazienti che accumulano) questi sono talmente pervasivi  che è probabilmente più opportuno non considerarli come una comorbilità quanto piuttosto come parte del fenotipo stesso di Hoarding Disorder. Nel DSM-V infatti seppur non presente tra i criteri diagnostici l’eccessiva acquisizione dovrà infatti essere segnalata come specificatore.

Infine interessante il dato sul PTSD: i due gruppi non differiscono significativamente in termini di diagnosi sul PTSD (comunque bassa) tuttavia differiscono grandemente nel riportare eventi traumatici in età adulta ed in età dello sviluppo. Questo apre almeno un paio di filoni di riflessione.

  • I soggetti HD hanno forse una soglia personale più bassa per definire un evento “traumatico” ?
  • Oppure vi è effettivamente un’alta incidenza di eventi traumatici che determinano una risposta disfunzionale alternativa allo sviluppo di PTSD quale appunto il comportamento di Hoarding? (Ipotesi trattata in un post precedente).

Al momento non è possibile dare una risposta ma la relazione tra trauma, menomazione delle funzioni esecutive e comportamento di hoarding sarà probabilmente uno dei focus più interessanti di ricerca dei prossimi anni.

Alessandro Marcengo [amarcengo@psicoterapie.pro]

 

Altri Post suHoarding Disorder, Disposofobia, Accumulo Compulsivo

Bibliografia
  • Mataix-Cols D, Frost RO, Pertusa A, Clark LA, Saxena S, Leckman JF, et al. Hoarding disorder: a new diagnosis for DSM-V? Depress Anxiety. 2010 Jun; 27(6):556–572. [PubMed: 20336805]
  • Frost RO, Hartl TL. A cognitive-behavioral model of compulsive hoarding. Behaviour Research and Therapy. 1996 Apr; 34(4):341–350. [PubMed: 8871366]
  • Iervolino AC, Perroud N, Fullana MA, Guipponi M, Cherkas L, Collier DA, et al. Prevalence and heritability of compulsive hoarding: a twin study. Am J Psychiatry. 2009 Oct; 166(10):1156–1161. [PubMed: 19687130]
  • Mueller A, Mitchell JE, Crosby RD, Glaesmer H, de Zwaan M. The prevalence of compulsive hoarding and its association with compulsive buying in a German population-based sample. Behav Res Ther. 2009 Aug; 47(8):705–709. [PubMed: 19457476]
  • Samuels JF, Bienvenu OJ, Grados MA, Cullen B, Riddle MA, Liang KY, et al. Prevalence and correlates of hoarding behavior in a community-based sample. Behav Res Ther. 2008 Jul; 46(7): 836–844. [PubMed: 18495084]
  • Tolin DF, Frost RO, Steketee G, Gray KD, Fitch KE. The economic and social burden of compulsive hoarding. Psychiat Res. 2008; 160:200–211.
  • Pertusa A, Frost RO, Fullana MA, Samuels J, Steketee G, Tolin D, et al. Refining the diagnostic boundaries of compulsive hoarding: a critical review. Clin Psychol Rev. 2010 Jun; 30(4):371–386. [PubMed: 20189280]
  • Frost RO, Hristova V. Assessment of hoarding. J Clin Psychol. 2011 Feb 23. Frost RO, Steketee G, Grisham J. Measurement of compulsive hoarding: Saving Inventory-Revised. Behaviour Research and Therapy. 2004 Oct; 42(10):1163–1182. [PubMed: 15350856]
  • Tolin DF, Frost RO, Steketee G. A brief interview for assessing compulsive hoarding: the Hoarding Rating Scale-Interview. Psychiatry Res. 2010 Jun 30; 178(1):147–152. [PubMed:20452042]
  • Hasler G, LaSalle-Ricci VH, Ronquillo JG, Crawley SA, Cochran LW, Kazuba D, et al. Obsessive-compulsive disorder symptom dimensions show specific relationships to psychiatric comorbidity. Psychiatry Res. 2005 Jun 15; 135(2):121–132. [PubMed: 15893825]
  • LaSalle-Ricci VH, Arnkoff DB, Glass CR, Crawley SA, Ronquillo JG, Murphy DL. The hoarding dimension of OCD: psychological comorbidity and the five-factor personality model. Behav Res Ther. 2006 Oct; 44(10):1503–1512. [PubMed: 16386705]
  • Ayers CR, Saxena S, Golshan S, Wetherell JL. Age at onset and clinical features of late life compulsive hoarding. Int J Geriatr Psychiatry. 2010 Feb; 25(2):142–149. [PubMed: 19548272]
  • Fontenelle LF, Mendlowicz MV, Soares ID, Viersiani M. Patients with obsessive-compulsive disorder and hoarding symptoms: A distinct clinical subtype? Comprehensive Psychiatry. 2004; 45:375–383. [PubMed: 15332201]

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.