Aspetti Cognitivi nell’Hoarding Disorder [Disturbo da accumulo .10]

Secondo il modello cognitivo dell’hoarding disorder aspetti di deficit nei sistemi di information processing, di attenzione, di memoria, di decision making e di categorizzazione contribuiscono in modo sostanziale al disturbo. E’ facile capirne il razionale. Quando si tratta di gestire la grande quantità di oggetti che l’attuale società ci propone tutte queste abilità sono fondamentali. Pensiamo a cosa facciamo quando mettiamo in ordine quella pila di carte accumulatesi nell’ultimo mese sulla nostra scrivania. Di solito, anche se non esplicitamente, abbiamo un piano su come farlo, abbiamo uno schema più o meno automatico su come classificare le cose e ristabilire l’ordine. Individuiamo una serie di passi necessari per completare il compito, creiamo differenti categorie per ordinare le carte o le assegniamo a categorie già esistenti (documenti, bollette, pubblicità, ecc.), cerchiamo di mantenere un’attenzione continuativa e di gestire gli impulsi che ci distrarrebbero da questo noioso compito, ed infine utilizziamo pesantemente le nostre abilità di decision making considerando alternative, pesandole, e facendo delle scelte su cosa tenere e cosa eliminare. Gli hoarders sembrano essere carenti in una qualche misura su alcune di queste capacità. Proprio a questo proposito uno studio di Grisham et al. apparso su Behaviour & Research Therapy del  2010 (Categorization and Cognitive Deficits in Compulsive Hoarding) ha cercato  di valutare se pazienti con Hoarding Disorder  manifestassero dei significativi deficit nelle funzioni esecutive e nei compiti di categorizzazione.

Nello specifico il campione di 60 soggetti comprendeva tre gruppi: il primo con diagnosi di sindrome da accumulo, il secondo con diagnosi su un disturbo di asse I  (umore / ansia) mentre il terzo era di controllo (soggetti sani). Il metodo prevedeva che tutti i partecipanti completassero alcuni test neuropsicologici,  quattro task di categorizzazione ed un self report di misura delle difficoltà cognitive sperimentate nel test (le scale somministrate al campione sono state la ADIS-IV, ADHD-CL, CIR, CFQ, DASS, FIS, OCI-R, SI-R, SUDS e come test neuropsicologici WASI, CANTAB, AGN, CGT, IED, e SOC). La scelta di includere quattro task di categorizzazione è stata guidata dalla necessità di verifica in merito ai risultati  incoerenti  di alcune  ricerche precedenti sui compiti di categorizzazione negli hoarder (Luchian et. al. 22007; Wincze et al. 2007)  e prevedeva di categorizzare beni personali vs. non personali e reali vs. loro rappresentazioni su index card.

Risultati

Contrariamente alle ipotesi di partenza, gli  accumulatori non hanno ottenuto punteggi significativamente peggiori nella maggior parte dei test neuropsicologici tranne che nel SOC che misura le abilità di pianificazione.

  1. Non si sono riscontrate differenze tra i tre gruppi sui  valori di intelligenza verbale e non verbale (WASI).
  2. L’aspettativa che  vi fossero differenze significative nelle capacità di decision making (misurata dal CGT) e capacità attentive (misurate dall’AGN e dalla IED) non è stata confermata. Anche se in termini di self report gli hoarder riportavano un alto  livello di indecisione, sui punteggi di decision making non ottenevano risultati significativamente peggiori degli altri due gruppi. Questa discrepanza non è chiara e le cause potrebbero risiedere sia in aspetti di deficit di memoria sia in una difficoltà selettiva di decisione per i propri  oggetti non misurata dalla CGT. Le difficoltà di decision making potrebbero essere legate quindi solo a casi in cui le opzioni siano emozionalmente attivanti o legate a forti e rigide credenze personali. Va detto che da molti la CGT viene considerata un mezzo poco ecologico di valutazione delle capacità decision making e pertanto poco valido nel caso dell’hoarding.
  3. Al contrario sulle capacità di planning misurate dal SOC il gruppo di accumulatori ha risolto un numero significativamente inferiore di problemi rispetto agli altri due gruppi. Questo è il risultato più  interessante che conferma anche l’esperienza clinica che l’aspetto particolarmente deficitario sia  la capacità di planning.

In merito ai  risultati di categorizzazione vi sono  state  diverse  differenze  tra i tre gruppi. Gli accumulatori hanno creato  un numero maggiore di  categorie rispetto al gruppo di controllo clinico per i propri oggetti sia fisici che rappresentati da index card. Sempre gli accumulatori hanno impiegato molto più tempo  che entrambe i gruppi di comparazione a categorizzare oggetti personali e rispetto al  gruppo di soggetti sani  anche un maggior tempo per  categorizzare oggetti non personali o index card personali. Infine gli accumulatori hanno valutato alla SUDS il loro livello di ansia prima e dopo il compito di categorizzazione significativamente più alto rispetto ai due gruppi di comparazione indipendentemente dal tipo di oggetto da categorizzare. L’aspetto di differenza  principale riguarda, come  già in altri studi il fatto che i beni siano personali o meno. Va considerato che la categorizzazione è un compito  complesso e che future ricerche dovranno valutare  alla luce delle funzioni esecutive coinvolte anche gli aspetti cognitivi ed emotivi  di valutazione delle alternative.

Deficit Planning

Deficit Planning

Conclusioni

I risultati di questo studio suggeriscono che gli accumulatori abbiano maggiori difficoltà cognitive nelle attività di planning (misurate dal SOC) e categorizzazione rispetto ad un campione non clinico confermando che alla base delle difficoltà di gestione dei propri beni da parte di molti pazienti ci siano proprio dei deficit delle funzioni esecutive. Dal punto di visto clinico tali evidenze  possono avere delle ripercussioni in termini di linee guida di intervento. Il trattamento diretto delle difficoltà di planning e categorizzazione potrebbero alleviare le manifestazioni principali della sindrome. Gli obiettivi terapeutici potrebbero includere allenamenti di pianificazione a lungo termine frammentati in micro  obbiettivi. Uno specifico training di categorizzazione inoltre si è dimostrato utile in pazienti con danno cerebrale da trauma e sebbene gli hoarders presentino deficit significativamente minori potrebbe essere utile incorporare forme di training categoriale nel trattamento della sindrome.

Alessandro Marcengo [amarcengo@psicoterapie.pro]

 

Altri Post suHoarding Disorder, Disposofobia, Accumulo Compulsivo

Bibliografia
  •  An, S. K., Mataix-Cols, D., Lawrence, N. S., Wooderson, S., Giampietro, V., Speckens, A., et al. (2008). To discard or not to discard: the neural basis of hoarding symptoms in obsessiveecompulsive disorder. Molecular Psychiatry, 14, 318e331.
  • Barkley, R. A., & Murphy, K. R. (1998). Attention-deficit hyperactivity disorder: A clinical workbook (2nd ed.). New York: Guilford Press.
  • Broadbent, D. E., Cooper, P. F., Fitzgerald, P., & Parkes, L. R. (1982). The cognitive failures questionnaire (CFQ) and its correlates. British Journal of Clinical Psychology, 21, 1e16.
  • Brown, T. A., Chorpita, B. F., Korotitsch, W., & Barlow, D. H. (1997). Psychometric properties of the Depression Anxiety Stress Scales (DASS) in clinical samples. Behaviour Research and Therapy, 35, 79e89.
  • Brown, T. A., Di Nardo, P. A., & Barlow, D. H. (1994). Anxiety Disorders Interview Schedule for DSM-IV (ADIS-IV). New York, NY: Oxford University Press.
  • Brown, T. A., Di Nardo, P. A., Lehman, C. L., & Campbell, L. A. (2001). Reliability of DSM-IV anxiety and mood disorders: implications for the classification
  • of emotional disorders. Journal of Abnormal Psychology, 110, 49e58.
  • Cambridge Cognition. (1995). Cambridge Neuropsychological Test Automated Battery (CANTAB) manual.
  • Constantinidou, F., Thomas, R. D., Scharp, V. L., Laske, K. M., Hammerly, M. D., & Guitonde, S. (2005). Effects of categorization training in patients with TBI during postacute rehabilitation. Journal of Head Trauma Rehabilitation, 20, 143e157.
  • Foa, E. B., Huppert, J. D., Leiberg, S., Langner, R., Kichic, R., Hajcak, G., et al. (2002). The obsessiveecompulsive inventory: development and validation of a short version. Psychological Assessment, 14, 485e496.
  • Frost, R. O., & Hartl, T. (1996). A cognitive-behavioral model of compulsive hoarding. Behaviour Research and Therapy, 34, 341e350.
  • Frost, R. O., & Shows, D. L. (1993). The nature and measurement of compulsive indecisiveness. Behaviour Research and Therapy, 31, 683e692.
  • Frost, R. O., & Steketee, G. (1998). Hoarding: clinical aspects and treatment strategies. In M. A. Jenike, L. Baer, & W. E. Minichiello (Eds.), Obsessiveecompulsive disorder: Practical management (3rd ed.). (pp. 533e554) St Louis: Mosby Yearbook Medical.
  • Frost, R. O., Steketee, G., & Grisham, J. R. (2004). Measurement of compulsive hoarding: saving inventory revised. Behaviour Research and Therapy, 42, 1163e1182.
  • Frost, R. O., Steketee, G., Tolin, D. F., & Renaud, S. (2008). Development and validation of the clutter image rating. Journal of Psychopathology and Behavior Assessment, 30, 193e203.
  • Grisham, J. R., & Barlow, D. H. (2005). Compulsive hoarding: current research and theory. Journal of Psychopathology and Behavior Assessment, 27, 45e52.
  • Grisham, J. R., Brown, T. A., Savage, C. R., Steketee, G., & Barlow, D. H. (2007). Neuropsychological impairment associated with compulsive hoarding. Behaviour Research and Therapy, 45, 1471e1483.
  • Hartl, T. L., Duffany, S. R., Allen, G. J., Steketee, G., & Frost, R. O. (2005). Relationships among compulsive hoarding, trauma, and attention-deficit/hyperactivity disorder. Behaviour Research and Therapy, 43, 269e276.
  • Hartl, T. L., Frost, R. O., Allen, G. J., Deckersbach, T., Steketee, G., Duffany, S. R., et al. (2004). Actual and perceived memory deficits in individuals with compulsive hoarding. Depression and Anxiety, 20, 59e69.
  • Henry, J. D., & Crawford, J. R. (2005). The short-form version of the Depression Anxiety Stress Scales (DASS-21): construct validity and normative data in
  • a large non-clinical sample. British Journal of Clinical Psychology, 44, 227e239.
  • Jensen, P. S., Hinshaw, S. P., Kraemer, H. C., Lenora, N., Newcorn, J. H., Abikoff, H. B., et al. (2001). ADHD comorbidity findings from the MTA study: comparing comorbid subgroups. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 40(2), 147e158.
  • Jensen, P. S., Shervette, R. E., Xenakis, S. N., & Richters, J. (1993). Anxiety and depressive disorders in attention deficit disorder with hyperactivity: new findings. The American Journal of Psychiatry, 150(8), 1203e1209.
  • Lawrence, N. S., Wooderson, S., Mataix-Cols, D., David, R., Speckens, A., & Phillips, M. L. (2006). Decision making and set shifting impairments are associated with distinct symptom dimensions in obsessiveecompulsive disorder. Neuropsychology, 20, 409e419.
  • Lovibond, S. H., & Lovibond, P. F. (1995). Manual for the depression anxiety and stress scales (2nd ed.). Sydney: Psychological Foundation.
  • Luchian, S. A., McNally, R. J., & Hooley, J. M. (2007). Cognitive aspects of nonclinical obsessiveecompulsive hoarding. Behaviour Research and Therapy, 45,1657e1662. Psychological Corporation. (1999). Wechsler abbreviated scale of intelligence manual. San Antonio, TX: Author.
  • Rassin, E., Muris, P., Franken, I., Smit, M., & Wong, M. (2007). Measuring general indecisevenss. Journal of Psychopathology and Behavior Assessment, 19, 61e68.
  • Steketee, G., & Frost, R. O. (2003). Compulsive hoarding: current status of the research. Clinical Psychology Review, 23, 905e927.
  • Steketee, G., Frost, R. O., & Kyrios, M. (2003). Cognitive aspects of compulsive hoarding. Cognitive Therapy and Research, 27, 463e479.
  • Thyer, B. A., Papsdorf, J. D., Davis, R., & Vallecorsa, S. (1984). Autonomic correlates of the subjective anxiety scale. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 15, 3e7.
  • Tolin, D., Frost, R., & Steketee, G. A brief interview for assessing compulsive hoarding: the hoarding rating scale-interview. Psychiatry Research, in press.
  • Wagle, A. C., Berrios, G. E., & Ho, L. (1999). The cognitive failures questionnaire in
  • psychiatry. Comprehensive Psychiatry, 40, 478e484.
  • Wechsler, D. (1997). WAIS-III administration and scoring manual. San Antonio, TX: Psychological Corporation.
  • Wincze, J. P., Steketee, G., & Frost, R. O. (2007). Categorization in compulsive hoarding. Behaviour Research and Therapy, 45, 63e72.

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.